NEWS

24/08/2011
ALLA CORTE DI FEDERICO STAUFEN CON DE ARTE VENANDI CUM AVIBUS
Ritorna il corte storico e lo spettacolo di falconeria nel maniero rosso
 
Una estate sveva per l antica Lacupensilem, dopo l avvio del "Il Mondo di Federico II" ed il museo virtuale presso il maniero normanno, l incontro con la cultura dei Staufen è proseguita con il corteo storico del 12 agosto e ritorna oggi sempre per iniziativa del Centro UNLA di Lagopesole, la ormai classica rievocazione storica "Alla Corte di Federico" 2011, all ombra del castello vi sarà la seconda tappa dell animazione del borgo dedicata alla falconeria, fedele alla storia del "Puer Apuliae", infatti Federico II scrisse un manuale sull arte della falconeria, il De arte venandi cum avibus composto di sei libri. Del Liber esiste copia originale ordinata dal figlio Manfredi decorata con miniature anche se ridotta pur ridotta ai primi due libri, sono presenti oltre 500 immagini di uccelli è conservata nelle biblioteche Vaticane. Lo Stupor Mundi importò dal mondo arabo l usanza di mettere i cappucci ai rapaci, mentre prima l usanza era di cucire le palpebre nelle pause di caccia, Federico su innovatore anche con "De arte venandi" nato dall osservazione a differenza dei bestiari medioevali intrisi di mitologia, teologia e superstizione. Ecco un brano del Liber : "Chi voglia imparare l arte della caccia con gli uccelli per essere in grado di nutrirli, custodirli, addomesticarli, portarli, insegnare loro a cacciare altri uccelli mandandoli a caccia e, se necessario, curarli, occorre che unisca, alle qualità che verranno indicate, la scienza (le conoscenze teoriche e pratiche) contenute in questa opera. Quando avrà appreso tutto in modo sufficiente, più degnamente e a giusto titolo potrà fregiarsi dell appellativo di falconiere. Sia egli di media statura perché, se fosse troppo alto, si stancherebbe facilmente e sarebbe meno agile, se fosse troppo basso, compirebbe movimenti eccessivamente rapidi sia a piedi che a cavallo". Il programma prevede l emanazione dell editto imperiale di falconeria nel cortile grande del castello di Lagopesole e, successivamente, uno spettacolo di falconeria da tenersi all esterno del castello, nell area a nord che si affaccia sulla valle del vulture. Alle 19.30 nella piazza del borgo ci sarà l esposizione dei rapaci a disposizione del pubblico presente e una sessione didattica, a cura del maestro falconiere Lanatà, sulle varie specie e il loro uso dal medioevo ad oggi. Inoltre la manifestazione avrà tra i figuranti in costumi d epoca il primo cittadino Vito Summa, l assessore Vito Lucia ed altri componenti dell amministrazione aviglianese. Poi la serata proseguirà o alle ore 21 presso il cortile maggiore del castello con lo spettacolo in multivisione, unico in europa, "Il Mondo di Federico II" realizzato su una sceneggiatura scritta da Raffaele Nigro al quale hanno partecipato comparse e attori locali provenienti da Lagopesole e da tutte le località della Basilicata con la partecipazione straordinaria degli attori Remo Girone,Lorenza Indovina, Rodolfo Bianchi e Antonio Manzini. "L integrazione fra il grande attrattore all interno del castello e le animazioni già esistenti, come "Alla corte di Federico" curata dall UNLA di Lagopesole ormai da 12 anni, è un elemento importante per la promozione del progetto "Il Mondo di Federico II" quale volano per lo sviluppo turistico dell intera area" hanno dichiarato Gerardo Ferretti - Commissario straordinario della Comunità Montana "Alto Basento" ,Leonardo Pace - Delegato regionale dell UNLA e Vito Lucia - Assessore alle finanze del Comune di Avigliano.
 
Leonardo Pisani
fonte LA NUOVA DEL SUD
categoria: DA CLASSIFICARE
 
 
OkNotizie