cerca nel sito

NEWS

24/02/2011
EMOZIONI DA CAMEL TROPHY: VIAGGIARE TRA LE CONTRADE DELLA NAZIONE AVIGLIANESE
Fossi,principi di frane e amianto: viaggiare tra Avigliano ePotenza e' un vero assillo
 
Di certo basta qualche pioggia fitta a creare disagi alle viabilità rurale, di certo tra precipitazioni e neve alla lunga rovinano i manti delle stradine di campagna, mettiamoci anche l'incuria e la disattenzione umana quando dai campi il terreno invade le vie. Ma di certo l'assenza di manutenzione, la mancanza di controlli, la latitanza di chi dovrebbe intervenire non hanno giustificazioni. Tra Avigliano Lucania, contrada San Luca scafarelli, Lavangone e Tiera, zone di confine tra il comune di Avigliano cui culturalmente appartengono e la Città di Potenza cui dipendono territorialmente viaggiare diventa un tormento tra fossi, principi di frane, fango, detriti e asfalto rovinato; in verità qualche tratto è ben mantenuto e gente del posto ipotizza che vi sono abitazioni di qualche persona conosciuta nel Capoluogo di Regione. Per i restanti 900 abitanti di quelle contrade dimenticate invece la viabilità diventa disagio, il percorso verso Potenza, la Potenza- Melfi o verso Avigliano è una vera gimkana con accelerazioni e decelerazioni che dipendono delle dune e fossi. Ieri sulle pagine della Nuova si era parlato dell'accesso alla contrada di Lavangone, dove dovrebbe sorgere il Palazzetto dello Sport, un "mausoleo" posto in un cayon dato le condizioni stradali. Oggi invece vi è stato un sopralluogo da parte del Consigliere Regionale Gianni Rosa e del consigliere comunale Nicola Becce, invitati ed accompagnati da alcuni cittadini. Un ampio giro ai limiti del "Camel Trophy" in alcuni tratti; partenza dalla stazione di Avigliano Lucania, per risalire verso San Luca Scafarelli, tratto iniziale decente- nulla di più- poi iniziano i fossi, più si va avanti maggiori diventano; ghiaia, detriti, asfalto rotto persino qualche piccolo punto dove qualche "civile cittadino" usa come pattumiera naturale: si notano anche delle vecchie tegole da capannone; che sia amianto? Poi ritorno ad Avigliano Lucania e si parte verso il cementificio verso una strada che si immette sulla Potenza - Melfi, via misteriosa appaltata anni fa dalla Comunità Montana, in teoria dovrebbe essere chiusa al traffico, ma si transita specie i mezzi pesanti; le condizioni simili con ghiaia e detriti e le immancabili fosse. Povere auto dei 900 cittadini, Terra di Mezzo tra due Comuni importanti ma senza effettiva rappresentanza comunale. Il consigliere Becce ammette che non conosce bene la zona- ricordiamo è Comune di Potenza- e non sapeva dello stato di degrado viario ci di che è "Una realtà sconvolgente, faccio il mia culpa perchè credevo che questa zona avesse un facile accesso". " Devo dire che è scandaloso, pregherei il sindaco e i vari assessori a venire qui, a fare un giro per rendersi conto della situazione, in primis il signor Sindaco a percorrere queste tutte queste strade " conclude Becce " Una vergogna per la Città di Potenza che si fregia dello status di Capoluogo di Regione. Se la Giunta non nei prossimi giorni farò un'interrogazione a risposta scritta ed orale"
 
Leonardo Pisani
fonte LA NUOVA DEL SUD
categoria: DA CLASSIFICARE
 
 
OkNotizie

I COMMENTI DEI VISITATORI
vincenzo da non lo dico | 25/02/2011 - 22:25
 
non solo camel trophy tra avigliano e potenza ,non si e visto la traversata del monte carmine per collegarsi con la potenza -melfi un vero e propio da paesi asiatici africani iracheni meglio non aggiungere altro (da terzo mondo)
 
leonardo pisani da Avigliano | 25/02/2011 - 23:59
 
A Vincenzo, su quella strada che ho definito "Borbonica" ho scritto diversi articoli su La Nuova del Sud che trovi anche in questo sito. Si dice che è in programma qualche intervento; comunque ci ritornerò a scrivere
 
carlo da aviglianese errante | 26/02/2011 - 09:13
 
che dire, la mia macchina si sta ancora lamentando dell'ultima venuta ad Avigliano .......