cerca nel sito

NEWS

02/03/2010
INTERVISTA AD ERMANDO PARETE, SOPRAVISSUTO DEL LAGER DI DACHAU
Faccio tanti chilometri per mantenere una promessa fatta ai compagni del Lager
 
Ermando Parete, nato il 15 febbraio 1923 ad Abbateggio (Pescara), internato nel campo di sterminio di Dachau dal settembre 1943 fino alle ore 18 (Parete ricorda perfettamente anche l'ora) del 29 aprile 1945 quando gli americani aprirono i cancelli. Arruolato nella guardia di finanza nel 1942, combatté nel fronte greco, il giorno dell’armistizio del 8 settembre del 1943, si trovava in Jugoslavia con il suo reggimento e deposero le armi e furono presi prigionieri dai partigiani di Tito, che, però permisero il loro rientro in Italia. Ma Cimadolmo (Treviso) fu catturato dalle SS, dopo un vano tentativo di fuga una caserma fuga nei pressi di Portogruaro, fu deportato nel campo di sterminio di Dachau in Baviera, il primo lager nazista in ordine di tempo, realizzato nel 1933.Signor Parete, quale è l’importanza della sua testimonianza ai giovani studenti del 2010? Tra i compagni di prigionia c’era un patto, se qualcuno si sarebbe salvato doveva raccontare tutto quello che ci era successo e tutti gli orrori cui abbiamo assistito. Io ero il più giovane e gli altri mi rincuoravano dicendomi che sarei sopravvissuto e che dovevo farlo io. Ora faccio migliaia di chilometri per mantenere questa antica promessa, per dire a tutti cosa furono i lager e cosa fecero nazisti, SS e Gestapo. Sopratutto mi rivolgo ai giovani e agli studenti, perchè sono il futuro della società e quello che ha fatto il nazismo deve essere conosciuto e non deve più succedere. Il mondo sapeva cose stesse succedendo nei campi di sterminio? Credo di no, il mondo non lo sapeva, la notizia incominciò a circolare, quando l’armata rossa liberò Auschwitz il 27 gennaio 1945 e dopo iniziarono gli alleati a cercare gli altri campi di sterminio. Persino i soldati americani della 7 armata rimasero inorriditi di quello che videro, uccisero tutti i nazisti presenti a Dachau. Infatti, mentre ritornavo a piedi in Italia, pesavo 29 kg, vestito con brandelli della casacca rigata e i capelli rasati a metà, la gente mi evitava, non mi aiutava perchè mi scambiavano per uno sbandato, chissà forse altro, ma non potevano immaginare cosa fosse successo nei lager. Per fortuna incontrai dei soldati americani che capirono la mia situazione e mi aiutarono, mi sfamarono. Eppure qualcuno ancora nega che ci sia stata la shoah e lo sterminio nei lager. IO ci sono stato, sono stato internato e quando arrivai a Dachau, gli aguzzini ed i Kapò già mi dissero quale sarebbe stata la mia fine: "passerai per il camino dei forni crematori". Ricordo quando portavano i bambini verso le camere a gas, dicendogli che dovevano fare la doccia. Io invito tutti ad andare a visitare i lager, sono ancora lì. Io porto ancora le ferite delle percosse sul mio corpo, si vedono anche sulla mia testa. Può raccontarci il suo incontro con il cardinal Montini ( il futuro papa Paolo VI) che all’epoca era responsabile vaticano dell'organizzazione che “portava soccorso e sollievo ai rifugiati politici" A Dachau eravamo 38 nazionalità, dopo la liberazione francesi, polacchi, insomma tutti gli altri furono aiutati a ritornare nelle loro nazioni dai rispettivi governi. Noi italiani fummo lasciati soli ed allo sbando, infatti, ritornammo a casa con la forza della disperazione. Il cardinal Montini ci fece visita per accettarsi del nostro stato fisico, ma ci disse che non ci potevano aiutare a ritornare, né il Vaticano e né lo stato Italiano. Conservo ancora oggi il suo telegramma che inviò alla mia famiglia che avvisava della mia sopravvivenza. Nessun aiuto, un’altra pagina dolorosa per noi sopravvissuti italiani. Ho impiegato 37 giorni e 37 notti a piedi, con gli zoccoli e coperto di stracci per arrivare in Italia.
 
Leonardo Pisani
fonte LA NUOVA DEL SUD
categoria: DA CLASSIFICARE
 
 
OkNotizie