cerca nel sito

NEWS

19/02/2010
MARETTA NEL PDL
Avigliano, Giordano e Coviello (PdL) contro il metodo di scelta su Salvatore
 
Maretta interna al Pdl aviglianese in seguito alla designazione del coordinatore e vicecoordinatore cittadino ed alle modalità di selezione del candidato sindaco per le comunali. Tutto questo in una lettera inviata agli organi regionali e provinciali, firmato da due consiglieri comunali del Pdl Francesco Giordano e Tommaso Coviello con alcuni dirigenti locali. Tutto parte dalla designazione di Gaetano Rizzitelli quale coordinatore cittadino, notizia che i firmatari del volantino, dicono aver appreso tramite gli organi di stampa e non secondo le procedure usuali quali assemblea o direttivi. Rimostranze anche per la riunione del 15 Febbraio, dove avvenne la scelta di Domenico Salvatore, quale candidato sindaco del centrodestra. Quindi presa di distanza dai metodi di democrazia interna e procedura, ma non politici, sottolineando che assieme alle assemblee aperte, avevo invano chiesto riunioni ristrette per i fondatori del partito e le rappresentanze istituzionali per individuare la posizione apicale e le strategie più giuste per affrontare in maniera vincente la campagna elettorale ormai alle porte. I firmatari dichiarano: “Senza nulla obbiettare sulla persona, peraltro avvicinatosi al partito da soli tre mesi, riteniamo inadeguata la modalità di scelta adottata, che mortifica l’impegno profuso dai militanti e dagli eletti nel partito negli anni scorsi”.“Ancora una volta, dunque, registriamo come una componente del partito sia regolarmente estromessa e posta ai margini nel momento delle decisioni importanti nella crescita del partito stesso (identico episodio si era verificato alla vigilia delle elezioni provinciali dello scorso giugno 2009)” si legge nella nota “Ci auguriamo dunque che in futuro il partito possa tutelare in maniera forte e decisa chi continua a rappresentarli sul territorio facendo spesso scelte impopolari e contro tendenza per puro spirito di appartenenza, senza lasciare in mano a pochi uomini il potere di decidere le sorti del partito in maniera antidemocratica”.
 
Leonardo Pisani
fonte LA NUOVA DEL SUD
categoria: DA CLASSIFICARE
 
 
OkNotizie