NEWS

02/06/2012
CI SONO I FONDI NON IL DEPURATORE CON GRAVI RISCHI DI INQUINAMENTO
Cinque milioni di euro non ancora spesi per dotare un'area vasta del necessario impianto - Protestano i cittadini delle frazioni e i consiglieri di opposizione.
 
AVIGLIANO. Ci sono 5 milioni di euro per il completamento delle reti idriche e fognarie nel territorio di Avigliano, assegnati con l'Accordo di Programma Quadro tra Regione e Ministero dell'Ambiente, fermi da anni. Soldi che sarebbero dovuti servire per dotare di un depuratore molte frazioni della cittadina che scaricano ancora in fosse settiche e che ora potrebbero rischiare di rimanere bloccati a causa del patto di stabilità. Nel comune di Avigliano, solo il centro cittadino è dotato di depuratore, mentre tutte le frazioni situate sull'asse viario Potenza-Melfi e altre frazioni come Bancone e altri piccoli centri scaricano in fosse settiche comunali che, secondo molti cittadini appoggiati dai partiti di opposizione, «non essendo oggetto di appropriata manutenzione, di fatto non trattengono le acque reflue,le quali finiscono nei fiumi o nei campi adiacenti con grati problemi di inquinamento ambientale». E già stato realizzato da diversi anni un condotto intercomunale per la raccolta delle acque reflue che doveva convogliare le stesse in un depuratore in agro di Acerenza e a tal proposito venne costruita nella piana dell'Isca di Possidente una vasca di raccolta con sistema di pompaggio delle acque; il tutto però non è mai entrato in funzione perché mancano i lavori di collegamento delle fogne pubbliche alla suddetta vasca. «Tutta la problematica-dice Vito Lorusso, consigliere comunale nelle fila dell'opposizione pidiellina - è stata, dal nostro gruppo, più volte sottoposta all'attenzione degli amministratori comunali fin dall'insediamento della passata legislatura ma ad oggi, salvo un incontro avuto presso la sede di Al, 4 anni fa, nel quale erano presenti oltre alla nostra delegazione l'ex sindaco e il vice-sindaco, dove furono chiesti spiegazioni e- chiarimenti sull' incomprensibile ritardo, e nonostante le affermazioni dell'attuale sindaco di prendersi in carico, subito dopo l'insediamento, del problema segnalato, verificando in tempi stretti e impegnandosi per la risoluzione del problema che impatta notevolmente sulla qualità della vita di coloro che abitano le contrade di Avigliano, tutto è rimasto invariato. In quella sede fu individuata anche una possibile risoluzione del problema attraverso una riprogettazione del depuratore - già previsto nell'area Paip di Sarnelli, così da attenuare almeno in parte il problema e di utilizzare le risorse finanziarie messe a disposizione dalla Regione>). «Costatiamo, purtroppo, che a distanza di cinque anni da quell'incontro conclude Lorusso - nulla si sa delle iniziative intraprese dal Comune per tutelare la salute dei cittadini, che- non può essere messa a rischio dall'inerzia di amministrazioni in- capaci anche di utilizzare le risorse a disposizione».
 
Sandra Guglielmi
fonte LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO
categoria: DA CLASSIFICARE
 
 
OkNotizie

I COMMENTI DEI VISITATORI
Carmine Ferrara da Avigliano | 04/06/2012 - 22:13
 
Per dovere di informazione, è necessario informare i lettori che moltissime utenze del centro urbano non sono collegati al collettore fognario,quindi non scaricano nel depuratore purtroppo nessuno lo evidenzia.Mi dispiace però, che i consiglieri del comune di Avigliano portano avanti istanze localistiche come se fossero i rappresentanti delle singole aree territoriali e non dell'intera comunità.