NEWS

30/10/2013
MACCHINA DEL FANGO SU BOCHICCHIO
Avigliano, modificati i manifesti elettorali del candidato alla Regione del Psi
 
Avigliano, elezioni regionali. La macchina del fango mediatica, messa in moto dall’uomo mediocre (il mandante), è entrata puntualmente in funzione. Non avendo altri argomenti, ai quali appigliarsi, l’uomo ascoso, l’affannato «melius res perpensa», è ricorso alla macchina del fango per attaccare Antonio Bochicchio, già vicesindaco di Avigliano e candidato alle regionali per il partito socialista che sostiene la lista di centrosinistra “Pittella presidente”. Ovvero il “melius affannato”, che in esso guazza e anche molto bene, si è preso la briga di manomettere, con la compiacenza di un grafico munito di plotter digitale, il manifesto elettorale di Bochicchio, scrivendo sopra battute offensive nei confronti dello stesso candidato e della sua famiglia ( questa è la foto del manifesto manomesso). La contromossa intelligente del vicesindaco è stata la predisposizione, come replica, di un manifesto, che sarà affisso sugli appositi spazi elettorali. Caratteristica peculiare della nuova locandina sarà la presenza di uno spazio libero e in bianco, lasciato a disposizione del “fango pulito” dei moralisti nascosti, in modo tale da consentire loro di risparmiare anche i soldi per la carta e l’inchiostro. Ovviamente, per le battute vale la doppia morale, sia per chi ha il coraggio di mettere la faccia e sia per coloro che sanno soltanto nasconderla nella melma fangosa. Dunque, ad Avigliano, si può dire e riderci sopra.
 
Alessandro Panuccio
fonte LA NUOVA DEL SUD - AVIGLIANONLINE.EU
categoria: DA CLASSIFICARE
 
 

I COMMENTI DEI VISITATORI
Streaker Il Ritorno da Roma | 30/10/2013 - 21:13
 
in primis "a lu tui" !! Questa volta "Ben detto è meglio che Ben Fatto"
 
Antonio Bochicchio da Avigliano | 30/10/2013 - 21:27
 
L'esperienza mi suggerisce prudenza e pacatezza nel risponderti, per il semplice motivo che tu conosci me che metto la faccia per il bene degli Aviglianesi. La stessa cosa non posso dire io di te, semplicemente perché ti nascondi dietro lo pseudonimo di scarsa fantasia “assidissi”. Avrò tante colpe, ma non certo quella della tua decisione “fortunata”, insieme alla tua famiglia, di emigrare dalla Basilicata. Me ne dispiace. Per il saluto finale “A lu Vostr”, per una persona colta quale tu sei, è buona regola, nel salutare tutta la platea dei lettori, usare un linguaggio appropriato e rispettoso.
Con simpatia e auguri per un futuro migliore.
 
Antonio Bochicchio da Avigliano | 01/11/2013 - 11:12
 
Ogn’uno di noi è libero di agire come meglio crede, come il complesso metal a cui ti sei ispirato è libero di cantare “black ice” (ghiaccio nero). La nostra libertà è garantita dall’articolo 13 della Nostra Costituzione: “La libertà personale è inviolabile.“, e dall’articolo 21: “ Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. (…)”. Per come la penso io, la libertà non sta nello scegliere se il ghiaccio è bianco o nero, ma nel sottrarsi a questa scelta prescritta, ed io liberamente e responsabilmente ho deciso di risponderti nonostante tu abbia deciso di dialogare con me da uomo nascosto. La coscienza di ogni essere che persegue la libertà, è testimone del proprio agire e deve sapere inghiottire anche la piena irresponsabilità dell’agire degli altri.
Con simpatia
 
Streaker Il Ritorno da Roma | 01/11/2013 - 15:28
 
Caro Assidissi, come vedi ti sbagliavi quando dicevi di conoscere il candidato sin dai tempi della scuola a partire dal percorso di studi(....). Non mi risulta che alla ragioneria si studi anche la filosofia (....). In pratica è meglio dico molto meglio che le risposte o comunicazioni, come le si vuole chiamare, te le scrivi da te.( se prorio non puoi almeno fattele spiegare )